A volte trovare il ritmo giusto per rendere la giornata lavorativa produttiva è impresa ardua.

Eppure si può fare.

Andy Grove, ex CEO e presidente di Intel, arrivava al lavoro alle 8:00 e usciva alle 6:00 tutti i giorni. Sheryl Sandberg, COO di Facebook, lascia l’ufficio ogni sera alle 5:30 per poter cenare con i suoi figli alle 6:00. 

Indipendentemente dal fatto che tu sia un leader aziendale di alto profilo o un libero professionista responsabile delle tue ore, può essere difficile inserirsi in una giornata lavorativa produttiva e spegnere il computer a un’ora ragionevole. Tuttavia,  la tua giornata lavorativa potrebbe diventare estremamente cambiando una manciata di comportamenti.

1. “Mettiti in forma”.

Viviamo in un mondo di distrazioni. 

Alcune di esse ci vengono tramite notifiche  altre si sono autoimposte, come ad esempio quando Sara controlla Facebook per la 45a volta, nel caso in cui quella foto carina del suo gatto abbia un altro like.

Nel suo libro Deep Work , Cal Newport suggerisce che a causa delle distrazioni che la tecnologia ci impone, trascorriamo la maggior parte del nostro tempo facendo “lavori superficiali”, un lavoro che non è impegnativo dal punto di vista cognitivo. 

A causa delle costanti distrazioni, abbiamo dimenticato come impegnarci veramente in un lavoro efficace, ovvero un pensiero focalizzato in cui facciamo progressi significativi sui nostri progetti più importanti.

Quello che dobbiamo fare è rimetterci in  forma . 

Quando iniziamo la palestra, non iniziamo con la panca piana sollevando 100 kg. 

Quindi, anche quando si tratta di (ri)costruire il “muscolo di concentrazione”, si procede per gradi. 

Ad esempio inizia facendo solo 30 minuti di lavoro mirato in cui tutte le notifiche e le distrazioni sono disattivate. 

2. Fare pause frequenti invece di una lunga.

Se sei immerso in un lavoro impegnativo spesso dimentichi di fare una pausa o forse credi semplicemente di non avere tempo per farne una.

Questo ci mette in uno stato costante di scarse prestazioni cognitive.

Uno studio ha mostrato che gli artisti più produttivi hanno lavorato in modo efficace per 52 minuti e poi hanno fatto una pausa per 17 minuti. 

Altre ricerche hanno dimostrato che, a differenza di una pausa di 30 minuti, le pause di cinque minuti ogni ora aumentano l’energia, affinano la concentrazione, migliorano l’umore e riducono in modo tangibile la sensazione di affaticamento.

 

3. Non pranzare alla scrivania.

Sapevi che il 62% degli americani pranza alla scrivania ? Anche se non sono americano, mi è capitato spesso di mangiare in ufficio  pensando erroneamente che avrei avuto la giornata lavorativa più produttiva.

La ricerca ha dimostrato che il semplice atto di pranzare ovunque, ma non alla nostra scrivania, ci permette di affrontare meglio lo stress sul posto di lavoro dandoci anche più energia per affrontare il pomeriggio. 

4.” Parcheggiare in discesa”.

Se sei umano, ci sono buone probabilità che quando ti siedi per iniziare o continuare un lavoro, ti sei sentito sopraffatto, senza energia. 

A volte, è solo difficile iniziare.

Anche scrittori come Ernest Hemingway non sono stati immuni da questo problema. Per trovare motivazione e flusso, Hemingway era solito terminare le sue sessioni di scrittura a metà frase. Questo gli consentiva un facile inizio il giorno successivo, perché doveva semplicemente completare la frase e andare avanti.

La tecnica di Hemingway è l’equivalente in scrittura del “parcheggio in discesa”. Induce il nostro cervello a volte pigro a iniziare, il resto viene da sé.

5. Chiudi la tua giornata.

Confessiamolo. Quante volte abbiamo lasciato l’ufficio per tornare a casa e ricominciare a lavorare. 

E anche se non sei impegnato nel lavoro, è molto facile che lo stress della giornata indugi nella tua mente ben oltre le 17:00

Per aiutare a ridurre lo stress e fornire una conclusione alla tua giornata, l’autore Dan Pink suggerisce di sviluppare una chiusura mentale della tua giornata. 

In particolare, consiglia di dedicare due o tre minuti a scrivere ciò che hai realizzato quel giorno. La sensazione di un senso di progresso ha dimostrato, nella ricerca, di essere motivazione efficace. 

Quindi, dedica due o tre minuti a pianificare il giorno successivo, questo ti aiuta a fornire un senso di controllo del lavoro. 

Se poi ti rimane un minuto libero, esprimi gratitudine per qualcuno, sotto forma di e-mail o messaggio di testo. 

La gratitudine ha dimostrato più e più volte di essere un efficace ascensore dell’umore. 

Una giornata lavorativa più produttiva dipende da noi; pochi passi e molta determinazione sono la strada giusta.

VUOI GESTIRE AL MEGLIO LE TUE TRATTATIVE?

Con il nostro e-book GRATUITO imparerai a:
- usare le domande per gestire la trattativa
- guidare il cliente alla chiusura del contratto
- superare le obiezioni più comuni

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

14471_MBKM_NB_1-01 (1)

MBKM di Maurizio Baiguini ® 

Privacy Policy

info@mbkm.net
+39 366 373 7483

NEWSLETTER

Ricevi gratuitamente consigli e pillole per migliorare la tua efficenza commerciale.

Copyright © 2019. All Rights Reserved. Proudly powered by Crowd Plus SRL.

GRAZIE PER ESSERTI ISCRITTO AL NOSTRO FREE WEBINAR

TRA POCO TI ARRIVERà UNA MAIL CON LE CREDENZIALI PER L'ACCESSO.

CI VEDIAMO TRA...

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

INTANTO PUOI CURIOSARE SE QUALCHE ARTICOLO DEL NOSTRO BLOG PUO' ESSERTI UTILE