image-text

Abbiamo avuto il piacere di incontrare in queste nostre settimane romane Alessando Timperi e Stefania Bisconti, titolari di Timpresa e “autori” di un progetto di distribuzione assicurativa innovativo  e che merita di essere approfondito.

Stefania è un Dottore di Ricerca in Storia dell’arte, con esperienze lavorative e professionali nell’ambito della comunicazione del marketing, “settori che in comune con quello accademico hanno solo la continua precarietà, lo scarso riconoscimento dei propri meriti e competenze.” come lei stessa ci racconta

Alessandro di sé stesso dice che è un “ingegnere insofferente al posto fisso, rinato come intermediario professionista da oltre 10 anni, con il pallino per le reti commerciali sia in ambito assicurativo che in quello creditizio.”

 Stefania,  come vi siete conosciuti e soprattutto come avete iniziato a lavorare insieme?

 “Siamo due amici, insieme da circa dieci anni cantiamo in un coro. Nella primavera del 2017 entrambi ci siamo trovati a vivere una situazione di rottura in ambito professionale: per motivazioni e situazioni assolutamente differenti, eravamo insoddisfatti del nostro lavoro e del modo in cui lo svolgevamo. Spesso la sera, dopo le prove del coro si parlava dei problemi comuni:  figli, casa,  lavoro … fu quasi naturale condividere le idee e progetti…. Nasceva così la nostra azienda: TIMPRESA.”

 Alessandro, cosa distingue Timpresa, qual è il vostro progetto?

“L’idea di seguire l’iter formativo di un neofita con rigore scientifico è nata quando io e Stefania abbiamo cominciato a lavorare insieme. La necessità di imparare bene da una parte e quella di dover insegnare bene dall’altra ha dato origine alla “ricetta” di un nuovo profilo di professionista.

Interviene Stefania  ”Timpresa nasce dal desiderio di rivendicare un’identità professionale fondata su tre pilastri: competenza, trasparenza e ottimizzazione del lavoro. In una realtà fatta di intermediari improvvisati e nella quale si investe pochissimo nella strutturazione e nell’organizzazione, vogliamo offrire un servizio qualitativamente molto elevato a tutti senza distinzione. Vogliamo lavorare in un modo nuovo, coniugando trasparenza e qualità di intermediazione assicurativa, alto standing, con l’utilizzo di strumenti tecnologici per consentire a qualsiasi cliente di qualunque estrazione e/o livello di reddito di usufruire di questo tipo di attenzione professionale.

Ciò è possibile solo quando un professionista è in grado di ottimizzare tutti i processi lavorativi e di evitare ogni spreco, al fine di concentrare le sue forze sulla formazione tecnica e sull’attenzione e lo studio delle esigenze del cliente.”

Quindi Alessandro, qual è stato lo spunto per questo progetto ?

“Stefania non era ancora condizionata dalle logiche di questo mondo. Il suo era uno sguardo ‘neutro’; questo ci ha permesso avere una visione nuova dell’attività: un punto di vista differente, esterno e interno allo stesso tempo.  

In questo modo, focalizzando tutte le esigenze fondamentali, concentrandosi sull’ottimizzazione dei processi e sulle risposte alle difficoltà operative, abbiamo riorganizzato la nostra attività di impresa…. e abbiamo preso appunti. Il vecchio caro metodo scientifico.

Dalla registrazione, studio e analisi di questa riorganizzazione nasce Assi&Me, un protocollo che vuole offrire soluzioni strumenti e metodologie per aiutare a far crescere l’attività di intermediazione assicurativa.”

Progetto ambizioso! Come è possibile realizzare tutto ciò?

Assi&Me è un progetto, che mira a fornire supporto nel raggiungimento degli obiettivi commerciali, di perseguire la soddisfazione dei clienti, di sfruttare la formazione, di puntare sulla consulenza e sul mutuo supporto attraverso un metodo di lavoro integrato di nuova concezione.

Grazie alla sinergia con un gruppo di consulenti, siamo in grado di coniugare ottimizzazione dei processi di quotazione, assunzione e gestione portafoglio, con una serie di strumenti informatici indipendenti dalle logiche di compagnia e integralmente personalizzabili.

Per concludere, quali sono i vantaggi per un intermediari assicurativo che voglia abbracciare il “Metodo Assi&Me?

Stefania: “entrare nella Assi&Me Community offre la possibilità di accedere a nuovi mandati con alti livelli provvigionali, formazione e verifica delle compliances sulle nuove normative, aprire nuove possibilità commerciali e supporto per il raggiungimento di obiettivi ambiziosi”

Alessandro: “L’intermediario che adotta il Metodo Assi&Me”  ha a disposizione un sistema collaudato di pianificazione e controllo del processo di vendita e degli obiettivi, un software di preventivazione e gestione personalizzabile svincolato dagli aggregatori web: un programma gestionale potente ed efficace, che permette di controllare tutti i dati relativi alle polizze, ai clienti, alle compagnie, agli agenti; uno strumento che permette così di tagliare le spese dell’ufficio e facilitare il lavoro, risparmiando tempo prezioso.”

Stefania: “Questo software si chiama Aida: il miglior gestionale assicurativo sul mercato in termini di semplicità d’uso, il più completo in termini di funzioni disponibili, premiato come Best insurance innovation nel 2013 e nel 2015.

In sostanza il marchio Assi&Me rappresenta per ogni intermediario assicurativo la certificazione di un alto livello qualitativo della propria attività, che si distingue per efficienza ed efficacia nei risultai economici e nella cura per il cliente.”

Per tutti coloro che vogliono conoscere meglio questo progetto Alessandro e Stefania hanno organizzato un aperitivo sui tetti di Roma il 9 maggio: un momento per confrontarsi e costruire insieme il nuovo volto dell’intermediario assicurativo, per capire e valutare il cambiamento che Assi&me propone nel variegato universo della distribuzione assicurativa.

Noi di MBKM ci saremo e siamo felici di essere stati scelti come main partner per la formazione di rete.

Se il progetto vi incuriosisce seguite i link riportati nell’articolo e iscrivetevi: un aperitivo in buona compagnia può essere un punto di svolta per la vostra carriera!

Vi aspettiamo!

You might also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *